martedì 24 giugno 2008

NUOVO COLPO DELL'AUTO ELETTRICA


L'avevano data per spacciata in tutto il mondo e invece l'automobile elettrica è risorta. Almeno in Giappone, dove il severissimo ministero dell'ambiente le ha appena assegnato un importante premio per gli sforzi contro il riscaldamento globale.
A vincerlo è la Subaru R1e , versione "pulita" della citycar in vendita da qualche tempo in Giappone.
La vera novità consiste nel aver ridotto in maniera drastica i tempi di ricarica: ci vogliono appena quindici minuti quando è la macchina viene attaccata ai caricatori ad alta capacità, che in alcune zone di Tokyo sono disponibili nei supermarket, nelle stazioni di servizio e persino vicino agli ospedali. La tecnologia è stata sviluppata dalla Fuji Heavy Industries che controlla il marchio Subaru, insieme alla Tokyo Electric Power Company e alla NEC, e presto potrebbe essere utilizzata anche da altri mezzi.
A casa, invece, non cambiano i tempi di ricarica: per un pieno di elettricità si impiegano anche otto ore ma la spesa per i consumi è dimezzata rispetto a quella di un'auto ibrida. L'autonomia, che è il tallone di Achille di tutti i mezzi elettrici, arriva a ottanta chilometri, mentre la velocità massima si ferma a 100 km/h.
Da questi dati si capisce che la R1e si ben si adatta agli spostamenti metropolitani che ogni giorno interessano migliaia di pendolari. Il gestore dell'elettricità di Tokyo, la TEPCO che ha collaborato al progetto, ha ordinato tremila di queste vetture per metterle in circolazione nel distretto di Kanagawa, e per non lasciarle "a secco" costruirà 150 punti di ricarica veloci nei prossimi cinque anni. Per gli altri cittadini che scelgono di passare all'elettrico esistono diversi incentivi, che vanno dalla riduzione del 90 per cento della tassa di circolazione agli sconti sui parcheggi e sulle tariffe autostradali.
(17 gennaio 2007)

Nessun commento: